giovedì 14 luglio 2016

Recensione "L'usignolo" di Kristin Hannah: quando l'amore vince e le lacrime scorrono


I romanzi storici hanno sempre sortito uno strano effetto su di me: nonostante questi si basino su avvenimento realmente accaduti, percepivo le realtà descritte come distanti e sfumate. 
Ecco che la storia diventava fantascienza e gli eventi nient'altro che dei racconti di fantasia.
Nella maggior parte dei romanzi storici che ho letto, i riflettori illuminavano una storia d'amore, e le guerre, il freddo, la fame servivano solamente per rendere le vicende dei due protagonisti ancora più travagliate.Tutti questi volumi si concludevano con una me scossa, spesso in lacrime e con una gran voglia di raccontare al mondo le emozioni che quelle pagine mi avevano regalato.  


Ma permettetemi di proporvi una nuova realtà.
Spostiamoci in Francia, in una nazione divisa in due, violenta e spaventata, dove uomini e donne combattono ogni giorno battaglie indicibili. Una Francia tremenda, che Kristin Hannah riesce a raccontare con sincerità e con uno stile a tratti amaro.
Quando ho finito di leggere L'usignolo, ero emozionata ed in lacrime, ma non per la storia d'amore, bensì per le atrocità della Seconda Guerra Mondiale.




L'usignolo è stato il primo romanzo storico che mi ha fatto percepire cinque anni della nostra storia mondiale nella loro incredibile atrocità, senza filtri. Una volta letta l'ultima pagina, ho cominciato a provare un moto di incredibile rabbia dentro di me. Una rabbia incondizionata, che non sapevo contro chi o cosa rivolgere. Con chi te la puoi prendere in questi casi? Con le nazioni, con le persone con gli ideali?
Kristin Hannah ha raccontato la Seconda Guerra Mondiale rendendola viva, vera e vicina. Una tragedia che non ha risparmiato nessuno, perchè anche chi è sopravvissuto, in qualche modo, ne è rimasto indelebilmente segnato.



Su questo orrendo sfondo, però, si staglia una speranza. Vorrei parlarvi di una storia d'amore, quella tragica, di due personaggi: Vianne e Isabelle.
Due sorelle che la vita allontana, ma che la guerra riesce a riavvicinare, due sorelle estremamente coraggiose che, in modi diversi, soffriranno e si opporranno ad un conflitto delirante. Due sorelle che, dopo tutto quello che hanno passato, decidono di fare l'atto di coraggio più grande: in un mondo dilaniato dall'odio, loro decidono di amare.

" Ma l'amore deve essere più forte dell'odio, altrimenti non ci sarà futuro per noi."


Quindi perchè leggere L'usignolo?
I motivi sono tanti. A partire dallo stile di Kristin Hannah, che azzarderei a definire sublime, continuando per i personaggi, a cui non potrete non affezionarvi, per concludere con il fatto che vi spezzerà il cuore e noi lettori siamo tutti un po' masochisti.
Se vi fidate ciecamente di me, potreste leggere L'usignolo perchè ha scalato la mia classifica personale ed è sul podio dei migliori libri che ho letto nel 2016.
Ma se deciderete di dare un'opportunità a questo libro, vorrei che lo faceste per il suo messaggio.
L'usignolo insegna che l'amore vince su tutto: l'amore vince la guerra, l'amore vince l'odio, l'amore vince la paura.

Una morale bellissima, che valica le epoche storiche e diventa tremendamente attuale.

" Non è di dimenticare che abbiamo bisogno, Vianne", rispose Antoine chinandosi per baciarla. 
"Ma di ricordare"

Alla prossima,

19 commenti:

  1. Non amo molto i romanzi storici, ma questo lo corteggio sin da quando uscí. E adesso che ho letto la tua recensione sono convinta ancor di più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che ti piacerà tantissimo! :)

      Elimina
  2. Adele mi hai fatta venire la pelle d'oca, una recensione sentita e di cuore. Bellissima! Complimenti ^_^

    RispondiElimina
  3. Quando questo libro uscì non lo degnai di più di un'occhiata frettolosa, poi ho leggiucchiato alcuni pareri positivi senza però prestargli ancora la dovuta attenzione. Insomma, dovevi arrivare tu con tutto il tuo entusiasmo per farmi aprire finalmente gli occhi. Tra l'altro, mi rendo conto che gli unici romanzi storici che ho letto finora sono ambientati tutti nell'età antica, quindi un po' di rinnovamento mi farà bene.
    In più, la tua recensione arriva proprio oggi, dopo l'ennesima, stupida, ingiustificata tragedia che ha colpito la Francia questa notte. Sembra che gli uomini abbiano un talento straordinario per le cose insensate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti convinto! ^^
      Chiamalo destino ...

      Elimina
  4. Prima di tutto complimenti per la recensione, mi ha molto colpita! ^^
    Sento il richiamo di questo libro dal giorno in cui è uscito nelle librerie e so che prima o poi lo leggerò. La storia sembra molto, molto interessante e capisco cosa intendi quando parli di guerra e di come l'autrice la rappresenti in modo così vivo. Sto leggendo la trilogia di Tatiana & Alexander e non mi sarei mai aspettata di vivere così intensamente la loro storia, anche sul piano storico.
    Penso che storie come queste siano senza dubbio capaci di conquistare un piccolo spazio nel nostro cuore, di far parte di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, se ti sta piacendo la trilogia del Cavaliere d'inverno, adorerai questo romanzo! *w*
      Sarà in grado di trasmetterti emozioni ancora più forti, vedrai. Grazie per il complimento! <3

      Elimina
  5. Bellissima recensione, mi hai proprio trasmesso le emozioni che hai provato. Da un po' tengo d'occhio questo libro e spero di poterlo leggere presto ^^ grazie!

    RispondiElimina
  6. Cara Adele, se considero il fatto che amo i libri storici e questo ti ha fatto commuovere, non so cosa farò io!
    Devo preparare i fazzoletti? :D
    Spero proprio di riuscire a leggerlo il prima possibile! :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prepara una scatola di fazzoletti, cara! *w*

      Elimina
  7. Mi piace tanto come hai impostato la recensione *_*
    Leggo spesso libri ambientati nella seconda guerra mondiale e alcuni mi hanno rubato un pezzo del mio cuore e non pensavo che anche questo potesse avere le carte in regole per far compagnia a gli altri... per fortuna ci sono le recensioni che ci fanno aprire gli occhi. Lo metto in wishlist sperando di riuscire a leggerlo presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica! :) Sono contenta che ti piaccia, avevo paura che fosse più complicata da seguire, quindi mi fa molto piacere! ^^ E sono contenta anche che la recensione ti sia servita!

      Elimina
  8. Ciao Adele! Ho sentito molto parlare di questo romanzo ma non l'ho ancora letto. Posso dirti che è una delle recensioni più belle che io abbia letto in proposito. Una lettura davvero affascinante, con delle foto meravigliose. Il tuo blog mi è piaciuto davvero molto, raffinato ed elegante. Mi sono unita ai tuoi follower per seguirti meglio, se ti fa piacere, ti aspetto: www.amicadeilibri.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta! :)
      Grazie di cuore per i complimenti, sei davvero gentile!
      Passo subito da te! ^^

      Elimina
  9. Ciao! :) Complimenti per la recensione! Il libro non mi ispirava particolarmente (gli storici non sono esattamente il mio genere) però la tua recensione mi ha davvero incuriosita. Non so se lo leggerò mai, perché è comunque un genere che tendo ad evitare, ma magari, se mi capita tra le mani, gli darò una possibilità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che la recensione ti sia piaciuta e ti abbia incuriosito, nonostante non sia il tuo genere! Per me è una grandissima soddisfazione :)

      Elimina
  10. Adele <3 Questo libro lo devo leggere! Cover, trama, profondità della storie, mi attira tutto di questo libro!

    RispondiElimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni :)

Copyright © 2016 The Book Lawyer , Blogger