giovedì 31 marzo 2016

Recensione | "Half Wild" di Sally Green




25795759Titolo: Half Wild (Half Bad Trilogy #2)
Autrice: Sally Green 
Casa Editrice: Rizzoli 
Prezzo: 15, 00 danee ( cartaceo) | 8,99 danee ( ebook)


Il mondo sta cambiando. I capi degli Incanti Bianchi mirano a sterminare i Neri. Per contrastarli nasce un’Alleanza in cui Neri, Bianchi e Mezzo Sangue combattono fianco a fianco. Nathan viene invitato a farne parte, ma prima deve ritrovare Annalise che è prigioniera, perché liberarla gli sta più a cuore di tutto il resto. Annalise, il grande amore di Nathan, appartiene a una famiglia di Bianchi che lo odia. Nathan è convinto di potersi fidare di lei, ma ha ragione di farlo, oppure dovrebbe ascoltare i dubbi dell’amico Gabriel? Conteso tra Annalise e Gabriel, Nathan lo è anche tra la sua natura bianca e quella nera, tra il desiderio di vedere Marcus, suo padre, e il timore. L’Alleanza sarà il pretesto per ritrovare il suo temibile genitore. Scoprire quell’uomo che nella sua vita è sempre stato assente sarà la grande sfida personale di Nathan.




La maledizione dei sequel  è quell'incantesimo di magia nera per cui il secondo, ma, soprattutto, il terzo libro di una serie sono nettamente inferiori al primo. Tanti sono stati i primi volumi di una trilogia che ho amato e divorato in nemmeno ventiquattro ore e altrettanti tutti quei seguiti che mi sono trascinata dietro per mesi ( vedi Hunger Games o Divergent). 
Ho affrontato Half Wild con eccitazione e paura: e se non fosse stato all'altezza del primo libro? E se ne fossi rimasta delusa? Per fortuna non è andata così. 



Abituata al ritmo incalzante di Half Bad, l'inizio mi ha leggermente sconcertata: nei primi capitoli accade poco, sono pagine introspettive in cui Nathan, il nostro protagonista, cerca di fare il punto della situazione. La lentezza di questa parte è, comunque, facilmente gestibile. Non siamo davanti a periodi lunghi, sintassi complicate e insostenibili monologhi interiori, ma messa a confronto con il resto del libro è il punto in cui la trama non ha alcun tipo di avanzamento. 
Per fortuna dopo poco la situazione si sblocca e cominciano le corse a perdifiato, gli incontri segreti e i piani d'attacco. 

Il punto dell'essere buoni è esserlo quando è difficile, non quando è facile.
In questo secondo capitolo della serie conosciamo meglio quelli che sono, a mio parere, i tre personaggi principali: Nathan, il protagonista, Annalise, la ragazza di cui è innamorato e Gabriel. Diventa difficile parlare di loro senza inserire spoiler, quindi vorrei soffermarmi solamente su Gabriel, a tutti gli effetti il mio personaggio preferito. Raramente ho incontro in un libro qualcuno di così umano e complesso: tenace e determinato da una parte, ma dolce e fragile dall'altra, è entrato a pieno nel mio cuore e nella lista dei personaggi di cui mi sono innamorata. 




Un aspetto estremamente interessante di questa serie è il ruolo della donna all'interno della società: infatti, è il genere femminile che ha in mano tutto il potere e che viene ritenuto più adatto per rivestire determinati ruoli. Rimane quindi una società sessista, ma capovolta rispetto alla nostra. Sally Green ci ha offerto un punto di vista nuovo che non avevo mai incontrato in nessun romanzo, fino ad adesso. 
In conclusione, ho davvero apprezzato Half Wild e ribadisco che questa è una serie che chiunque potrebbe apprezzare: ognuno potrà trovare un pezzettino di sè e delle proprie passioni tra queste pagine. 


The Hal Bad Trilogy
2. Half Wild 
3. Half Lost ( uscita UK 31 marzo 2016)
0.5 Half Lies ( inedito in Italia)
0.6 Half Truths ( inedito in Italia)


E voi? Avete letto questo libro?
La serie vi incuriosisce?
Alla prossima,
Adele

10 commenti:

  1. Io ho il primo che mi aspetta da un bel pò e non vedo l'ora di leggerlo! Bella recensione comunque:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! :) Leggilo appena puoi! **

      Elimina
  2. ciao Adele, io ho letto solo il primo e ho il secondo ancora sullo scaffale! il primo mi era piaciuto parecchio, devo sbrigarmi con il secondo! ** promette bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leda! :) Aww, sbrigati! Merita tanto!

      Elimina
  3. Ho questi libri in libreria da quando sono usciti praticamente, perché li ha letti la sorella. Adesso che è uscito anche il terzo magari ci faccio un pensierino! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovaa, fallo! vedrai che ne varrà la pena :) <3

      Elimina
  4. Adele, che bella recensione, mi ispira sempre di più questa serie *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! *w* Credo che sia ora di iniziarla Jess u.u

      Elimina
  5. Ciao! Dopo aver letto la tua recensione di Percy Jackson e il ladro di fulmini ho scorso indetro le recensioni che hai scritto per avere il piacere di leggerne un'altra; sono troppo belle ^-^
    Se devo essere sincera quando ho letto Half Bad poco dopo la sua uscita non mi ha colpito particolarmente, e per questo pensavo di non proseguire con la serie. Inoltre non ricordo perfettamente i personaggi e ormai pensavo non mi importasse più tanto della loro storia. Tuttavia dopo aver letto questo post ci potrei rifare un pensierino! Magari aspetto di leggere qualche recensione sull'ultimo libro della serie per essere sicura che anche quello non mi faccia storcere il naso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oww, Silvia ma grazie! Mi fai venire gli occhi a cuoricino! *w*
      Personalmente, sto evitando qualsiasi tipo di informazione riguardo Half Lost ... Non voglio venire spoilerata! D: Spero vivamente che non mi deluda come spesso accade con i finali delle trilogie.

      Elimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni :)

Copyright © 2016 The Book Lawyer , Blogger