giovedì 19 gennaio 2017

Gufi,tre tigri contro tre tigri e Miss Florida: uscite di gennaio del Castoro per bambini e ragazzi

Nel mezzo della sessione invernale, mentre, con l'acqua alla gola, correvo per prepararmi ai temuti esami, mi giunse una piacevole mail, che la diritta via aveva trovato. Ahi quanto a dir qual era la mia gioia è cosa dura!



Autore: AVI (Edward Irving Wortis)
Illustrazioni di Brian Foca
Prezzo: 13,50 
Dagli otto anni

Si possono sfidare le regole, se chi le ha stabilite può mangiarti in un sol boccone? E può una minuscola topolina tenere testa al suo peggior nemico?
Quando sei un topolino, il mondo intorno a te è immenso. Un vecchio scarpone è una stanza, un ditale è un cappello, e un porcospino può diventare una belva spaventosa. Pimpinella vive ai margini di Boscoscuro, e non ha mai messo il naso e la coda oltre i suoi confini. Le regole sono chiare: per muoversi bisogna chiedere il permesso al signor Ocax, il grosso gufo, che regna su tutto il territorio. Arcigno, minaccioso, prepotente, nessun topo osa disubbidire ai suoi ordini. Fino alla notte in cui Pimpinella e Trifoglio si avventurano su Colle Focaccia. Un piccolo gesto di ribellione, che porterà a un mare di guai. Pimpinella ancora non lo sa, ma nel suo petto batte il cuore di una grande eroina.



martedì 17 gennaio 2017

"Girl R-Evolution": un libro per imparare ad amarsi e a mettersi sempre al primo posto

Quando si parla di femminismo si tende ad individuare le sue protagoniste in donne che ormai hanno superato i vent'anni, che hanno vissuto nel mondo e hanno capito che c'è qualcosa di sbagliato nel modo in cui vengono percepite. In tutto questo ci sono due errori di fondo: il primo consta nella flessione della parola “protagoniste”, poiché questo si tratta sì di un movimento concentrato sulle donne, che però richiede l'aiuto di entrambe i sessi per realizzarsi. Il secondo, riguarda l'età dell'utenza: se vogliamo davvero cambiare il mondo, è necessario concentrarsi sui più piccoli e sull'educazione che viene loro fornita.
L'emblema di tutto ciò è Girl R-Evolution. Diventa ciò che sei
(DeAgositini,2015) di Alberto Pellai, medico,ricercatore e psicoterapeuta dell'età evolutiva, il quale ha scritto un libro indirizzato alle più giovani per far capire loro quanto valgono.

Il passaggio alla pubertà è un momento delicato per le bambine: il corpo cambia e l'immagine che si vede riflessa nello specchio il più delle volte non soddisfa. Anche perché i modelli di riferimento odierni spingono a una visione distorta della bellezza... che - troppo spesso - fa rima con magrezza. Attingendo dalla propria esperienza personale di psicoterapeuta e soprattutto di genitore di quattro figli, Alberto Pellai "esplora" l'universo femminile e parla alle bambine, ma anche alle loro mamme, zie, insegnanti, affrontando con sensibilità e competenza temi importanti come la consapevolezza del proprio corpo, i sentimenti, il sesso, l'approccio alla Rete


martedì 10 gennaio 2017

Perchè le librerie non sono castelli incantati: la mia esperienza da libraia saltuaria.

Per chi non lo sapesse dal 16 al 24 dicembre scorso ho lavorato in una libreria. Emozionante, non è vero? Se state leggendo queste parole i casi sono due: o siete anche voi degli amanti dei libri e quindi sapete che questo è, più o meno per la maggior parte di noi, un sogno, oppure siete dei parenti/amici, mi conoscete da una vita e sapete che non potrei vivere senza la carta stampata. Insomma, in tutti i casi, potete capirmi se dico che ho passato nove giorni in uno stato di euforia.
Questa è stata un'esperienza magnifica. Stancante, certo, ma anche assolutamente indimenticabile.

Non solo ho imparato un lavoro, ma sono stata accolta con disponibilità e pazienza, ho conosciuto persone fantastiche e il divertimento non è mancato.
Questo post nasce dal desiderio di condividere non solo questa mia esperienza, ma anche l'incontro con una realtà che per anni ho studiato sui libri. Se provate a pensarci, il mondo delle Lettere è ancora vittima di uno stereotipo che vede i suoi protagonisti come figure eteree. Lo scrittore se ne sta rinchiuso nella sua torre d'avorio, con una piuma d'oca in mano osservando l'oceano; le case editrici sono popolate da distinti uomini e donne addobbati con vestiti anni '60, in uffici ricoperti di pannelli di legno e macchine da scrivere che torreggiano sulle scrivanie; i librai custodiscono tutto il sapere letterario dalla scuola siciliana ad oggi, si aggirano in luoghi polverosi e intrattengono elevate discussioni con i clienti. Indovinate? Niente di questo è vero.

mercoledì 28 dicembre 2016

2016: recensione libresca e personale di dodici mesi.

Cari lettori, 
se in questi giorni vi è capitato di bazzicare nel mondo di Facebook, avrete notato che il 2016 è stato eletto  il più grande anno "mai-una-gioia" di sempre. Se mi ritrovo d'accordo con questa decisione a livello politico, sociale e di eventi, per quanto riguarda la mia vita questi dodici mesi sono stati grandiosi. 
Per chi non lo sapesse io soffro di ansia sociale, una sorta di blocco mentale che mi impedisce di fare molte cose, che per i più sono estremamente semplici. Un esempio? Andare al cinema, interagire con persone che non conosco, andare a lezione. Se le mie paure mi hanno paralizzato nel 2015, quest'anno ho imparato pian pianino a conviverci: certo, la strada è ancora molto lunga, ma ce la stiamo cavando. 
Nel 2016 ho iniziato a lavorare in libreria; ho fatto un bellissimo viaggio con due mie care amiche; sono stata bocciata ad un esame per la prima volta nella mia vita e ho scoperto che non c'è nulla di male nel fallimento; mi sono dichiarata ad un ragazzo che ora considero a tutti gli effetti uno dei miei più cari amici; ho imparato a far valere le mie opinioni e a non vergognarmene; ho affrontato un lutto, ma sono riuscita ad accettarlo in modo sereno; ho visto le mie migliori amiche prendere in mano le loro vite e fare cose meravigliose. 


martedì 20 dicembre 2016

Quattro ragazzi, due amori LGBT e due mini recensioni

Lo so che basandoci su uno dei miei ultimi post, queste due recensioni non hanno molto senso, visto che si tratta di Young Adult. Cosa volete farci, siamo essere umani: un giorno abbiamo bisogno di profondi trattati filosofici, il giorno dopo di storie d'amore strappalacrime. 
Mentre io continuo ad affrontare la mia crisi letteraria, vi lascio le mie opinioni riguardo due libri belli belli. 




Risultati immagini per non so chi sei ma io sono qui
 Simon ha diciassette anni e un amore segreto per Blu, un ragazzo conosciuto on line con cui intrattiene un'intensa, tenera corrispondenza. Il loro rapporto è al sicuro finché un'email non finisce nelle mani sbagliate: quelle di Martin, il bullo della scuola, che ora minaccia di rivelare a tutti lo scoop dell'anno... a meno che Simon non l'aiuti a conquistare Abby, la ragazza di cui è innamorato ma che non lo degna di uno sguardo. Per proteggere il suo amore, Simon dovrà affrontare per la prima volta la paura di uscire dal guscio che ha costruito intorno a sé, trovando il coraggio di rinunciare alle proprie sicurezze per fare spazio alla bellezza e alla libertà di essere se stessi. Email dopo email, il sentimento per Blu cresce, e così la voglia di conoscersi e di far conoscere agli altri chi è davvero.  


mercoledì 14 dicembre 2016

"La luce nelle case degli altri": quando la famiglia tradizionale è anacronistica

Vi è mai capitato di innamorarvi di un autore senza aver mai letto nulla di suo?
Immagino che come esordio, possa sembrare strano, ma è proprio quello che mi è successo con Chiara Gamberale. 
Lasciatemi spiegare: la prima cosa che mi ha colpito di quest'autrice era il suo stile, tra il poetico e l'astratto, assolutamente inconfondibile.Così, da una sola e semplice citazione tratta proprio da Le luci nelle case degli altri, è nato il mio amore per lei. Ho letto Per dieci minuti l'anno scorso, durante il periodo delle feste, e l'ho considerato un libro discreto. Poi, però, è arrivato il turno di Adesso, romanzo tanto acclamato, che è stato una grandissima delusione. Questo dicembre ho deciso di dare una chance al libro che ha dato l'inizio a tutto ed è stata una rivelazione. 

 Mandorla è la bambina felice di una ragazza madre piena di fantasia. Maria, la mamma, lavora come amministratrice d'immobili e ha lo speciale dono di trasformare ogni riunione condominiale in toccanti sedute di terapia di gruppo... Quando un tristissimo giorno Maria muore cadendo dal motorino, i condomini di via Grotta Perfetta 315, quelli che più le volevano bene, scoprono da una lettera che proprio nel loro stabile la piccola Mandorla è stata concepita... ma su chi sia il padre, la lettera tace. Proprio perché con tutti Maria sapeva instaurare un legame intenso, nessun uomo tra i condomini si sente sollevato agli occhi degli altri dal sospetto di essere il padre di Mandorla. È così che verrà presa la decisione di non fare il test del DNA su Mandorla, e stabiliscono di crescere la bambina tutti assieme.



La storia di Mandorla e dei condomini di via Grotta Perfetta 315, tocca uno degli argomenti più scottanti degli ultimi anni: la famiglia tradizionale. Quel nucleo che prevede una madre, un padre, una manciata di bambini, una casa al mare, un animale domestico, partite di calcio e saggi di danza. 
La famiglia di Mandorla è assolutamente fuori dal comune: quattro madri, cinque padri e tre fratelli, tutti coloro che abitano in quel palazzo dove sua madre faceva l'amministratrice. Eppure questo non le ha impedito di crescere nel migliore dei modi, con sani principi e con tanti sogni.